ABITO DA SPOSA
ABITO DA SPOSA

Il galateo del matrimonio: la scelta dell’abito

Il matrimonio è, tuttora, il sogno di molte donne e uomini al punto tale che qualcuno è stato disposto a “sposare se stesso” pur di festeggiare questo sogno in termini di lusso e sregolatezze, due termini che non sono affatto contemplati nel galateo del matrimonio. La prima regola da rispettare come un mantra è: “abbastanza è già troppo” vale a dire che è meglio prediligere la sobrietà all’eccesso, il classico alla novità a tutti i costi. Ciò vale per tutti gli aspetti del matrimonio: dalle partecipazioni all’abito da sposa, alle bomboniere, alla scelta del locale, della torta e così via.

La scelta dell’abito da cerimonia

La scelta degli abiti da sposa a Roma come in qualsiasi parte del mondo – è croce e delizia, condivisa da sposi, genitori, testimoni, invitati. La regola per tutti è l’equilibrio e la misura: una sposa non dovrebbe né sembrare una bambola di porcellana, né tanto meno una vamp grottesca. L’ideale è un abito da sposa dalle linee semplici, con le spalle coperte, scarpe chiuse, un solo gioiello, un’acconciatura elegante e minimalista con i capelli raccolti.

Fortunatamente, negli atelier è possibile trovare consiglio e qualche buon suggerimento, purché ci si rivolga ad atelier di qualità come The Woman in White a Roma, dove è possibile acquistare anche abiti per la cerimonia per lo sposo e gli invitati. Anche costoro non devono esimersi dalla regola della sobrietà. Lo sposo non dovrebbe cedere alla scelta di completi lucidi o allo smoking. Il tight è ammissibile solo se la cerimonia si svolge entro mezzogiorno.

Per i matrimoni pomeridiani è d’obbligo l’abito scuro – preferibilmente blu – con camicia e cravatta. Bando totale agli jabot new romantic. Unico decoro/gioiello ammesso per lo sposo è l’orologio, sobrio, con cinturino in pelle. Genitori, parenti e amici – secondo il galateo del matrimonio – devono rinunciare a ogni “protagonismo” per non rubare la scena agli sposi. Le mise appariscenti o al contrario troppo funeree non sono contemplate. Per le donne, l’ideale sono le combinazioni di abiti e soprabiti nei colori pastello oppure un classico ma elegante tailleur. Le stole conferiscono un’aria da terza età, per cui è meglio evitare, soprattutto le ragazze.

Il galateo promuove il cappello o il cerchietto con veletta, ma solo se il matrimonio si svolge di giorno. Gli uomini devono optare per un abito scuro e senza cappello. Nel caso siano previsti paggetti e damigelle, in quanto bambini, devono essere vestiti come tali: con graziosa eleganza … come tutto il resto del matrimonio.


Contenuti correlati...