Gravidanza
Gravidanza

Gravidanza: cosa succede nelle primissime settimane

La mancanza di mestruazioni è la prima avvisaglia di una gravidanza, ma per esserne sicure prima bisogna attendere qualche giorno e poi sarà il momento di fare il temutissimo test. Solitamente, quando le donne fanno il test, già si trovano tra la quarta e la quinta settimana di gravidanza, poiché clinicamente si calcola dal primo giorno dell'ultimo ciclo mestruale. Avrete sentito dire migliaia di volte che ogni gravidanza è diversa dall'altra, e noi non possiamo che confermare che sia così, ma è anche vero che ci sono alcuni sintomi che sono davvero molto frequenti.

I primi sintomi

Come dicevamo prima il sintomo più comune risulta essere l'amenorrea (mancanza di ciclo), ma anche in questo caso esistono delle eccezioni. Eh già, alcune donne infatti continuano ad avere in corrispondenza delle date del ciclo delle piccole perdite ematiche che durano poche ore e che si tendono a scambiarle per mestruazioni. E' infatti solamente con le analisi del sangue che avrete la certezza matematica di essere in dolce attesa oppure no.

Altro sintomo molto diffuso è la stanchezza. Infatti a causa del dosaggio sempre maggiore di progesterone nel sangue, con l'andare avanti della gravidanza vi sentirete sempre più stanche. Non vi sentite assolutamente in colpa se avrete più fame del solito, il vostro metabolismo sta cambiando rapidamente perché c'è uno scombussolamento ormonale in atto. Aumentate un po' le porzioni giornaliere di quello che mangiate, evitando però cibi spazzatura o cose non troppo salutari.

Nel caso in cui la fame dovesse divenire ingestibile rivolgetevi al vostro ginecologo o ad un nutrizionista, che saprà darvi i giusti consigli. Anche le nausee sono uno dei sintomi più conosciuti, anche se non tutte le donne le riscontrano. Alcune future mamme ne saranno tormentate, mentre altre le percepiranno solo in alcuni giorni. Nel caso in cui non fossero troppo violente, si possono tenere facilmente a bada con qualche cracker.

Come comportarsi

Quando una donna scopre di aspettare un bambino, si troverà a dover sconvolgere molte delle sue precedenti abitudini. Prima di tutto a livello alimentare. Alcuni cibi infatti dovranno essere evitati, mentre altri potranno essere consumati solo se sarai certa di come sono stati cucinati. Dalla tua tavola saranno banditi per i prossimi mesi carne e pesce crudo. Dimentica quindi carpacci e sushi vari, poiché consumandoli potresti contrarre la toxoplasmosi, una patologia che può risultare molto pericolosa in gravidanza.

Frutta e verdura potrai mangiarne a volontà, ma se vengono consumate crude ricordati di lavarle bene con un po' di bicarbonato. Anche per quanto riguarda le uova ci sono delle restrizioni, potrai mangiarle solo previa cottura. Evita quindi tutte quelle salse che contengono uova crude, come la maionese, o, se proprio non puoi farne a meno accertati che per produrla siano state utilizzate uova pastorizzate (solitamente quelle industriali lo sono). Ma le restrizioni di una gestante non si limitano all'alimentazione. Evitate di fare sforzi di qualsiasi tipo, come sollevare pesi o cose simili.

Cercate di svolgere una vita un po' più tranquilla del solito, assecondando quelle che sono le richieste del vostro fisico, senza esagerare. Evitate di stare troppo tempo in piedi e di correre. Insomma dal giorno in cui avete fatto il test di gravidanza la vostra vita è stata sconvolta, sia emotivamente che fisicamente, quindi fate il possibile per vivere serenamente i restanti mesi.


Contenuti correlati...